la II Edizione di Cantiere Musica

il manifesto del 2004
il manifesto del 2004

La II Edizione di Cantiere Musica si è svolta nel 2004 dal 5 al 10 luglio presso Frascati - Villa Falconieri. Il programma della seconda rassegna:


LUNEDI 5 luglio ore 21,30
PICCOLA ORCHESTRA‘900 diretta da Simone Veccia
Benjamin Britten: Sinfonietta op.1
Daniele Corsi: Lezioni (S)concertanti - prima esecuzione opera su commissione
G. F. Ghedini: Concerto Grosso
B. Bartòk: Danze Popolari Rumene

MARTEDI 6 luglio ore 21,30
HELIOS TRIO
W. M. Rihm: Trio
D. Sostakovic: Trio op 67
J. Brahms: Trio in do magg op 87

David Simonacci, violino
Marco Simonacci, violoncello
Andrea Corazziari, pianoforte

MERCOLEDI 7 luglio ore 21,30
COULEUR de l'AIR
esotismo, umorismo, surrealismo e simbolismo nell’arte e nella musica del XX e XXI secolo
testi di: J. Cocteau, A. Schonberg, V.Kandinskij, B. Shaw, E. Satie, A. Savinio
musiche di: Giuseppe Elos, D. Milhaud, M. Ravel, B. Martinu, F. Poulenc, A. Caplet, H. Pousser, Eugenio Colombo, E. Satie, Clara Lombardi, Giampiero Bernardini e Stefano Caturelli.

Paola Ghigo, mezzosoprano
Francesco Leonardi, flauto
Dante Cianferra, violoncello
Alberto Galletti, pianoforte


GIOVEDI 8 luglio ore 21,30
ELITZA STOYANOVA HARBOVA
recital di pianoforte
musiche di: Dallapiccola, Boulez, Skrjabin, Ligeti, Obretenov, Prokof'ev, Emiliano Cappelli (prima esecuzione su commissione)

VENERDI 9 luglio ore 21,30
GRUPPO ITALIANO di OTTONI
musiche di: V. Holmboe, Maurizio Gabrieli, N. Rota, V. Ewald, H. Carmichael, D. Short, I. Albéniz, A. Piazzolla, G. Gershwin

Remo D'Ippolito, Elia Tiso, tromba
Mauro Verdozzi, corno
Vincenzo Tiso, trombone
Enrico Cesolini, basso tuba


SABATO 10 luglio ore 21,30
"CAFE' 900"
opera in un atto di Giampiero Bernardini
opera inedita su commissione

"THE TELEPHONE" or l'Amour à Trois
Opera buffa in un atto di Giancarlo Menotti
(edizioni Casa Ricordi Milano)

Anna Catarci, soprano
Ross Benoliel, baritono
Piccola Orchestra '900 diretta da Simone Veccia.


Café 900
sunto dell'opera:
I parte [in casa di Ines (soprano)]
Ines è al telefono con Maria alla quale confida le sue pene d’amore riguardo Jorge (baritono), suo compagno da sette mesi. Ha fatto bene o no a confidare a Jorge il suo stato? Entra Jorge, sospettoso ed adirato, vuole conoscere la verità: da quanto tempo Ines sa di essere incinta e perchè non lo ha dichiarato subito? Jorge si sente ricattato, ma alla reazione di Ines che si sente abbandonata e sospetta un tradimento, propone di iniziare daccapo la loro storia dando appuntamento ad Ines per la sera stessa al Millenovecento, il cafè luogo del loro primo incontro.

II parte [interno del Cafè 1900. Le coppie ballano accompagnate dalla musica. Ines e Jorge sono seduti ad un tavolo bevendo abbondantemente]
Ines e Jorge, ebbri ed immersi nell’atmosfera leggermente lasciva ed edonistica del luogo duettano (duetto di Monsieur Rien) e ballano ricordando la passione del loro primo incontro, ma Ines è turbata dagli sguardi complici tra Jorge e una donna seduta nel café. Il sospetto di Ines si concretizza quando Jorge e la donna si appartano dal locale e si baciano. Ines è distrutta e Jorge le confessa che da due mesi quella donna è la sua compagna. Un segreto a suo parere non minore di quello che Ines ha nascosto a lui. Jorge non crede alla gravidanza di Ines ma se qualora fosse vera e naturalmente fosse lui il padre, Jorge si assume l’impegno di crescere il figlio assieme a sua madre a alla sua nuova compagna, escludendo quindi Ines dalla loro vita.

III parte [in casa di Ines]
Ines, da donna religiosa qual’è, chiede perdono a Dio e la Madonna per il gesto che sta per compiere. Ricorda (Milonga di Ines) la passione e l’eros che la ha legata a Jorge e quando lui bussa invano al suo uscio, contro e per Jorge, per il suo futuro duplice rimorso, si ode un colpo di revolver.



The Telephone
sunto dell'opera:
Ben (baritono) deve prendere il treno, ma prima vuole dichiarare a Lucy (soprano) il suo amore e chiederle se vuole sposarlo. Purtroppo per lui non è facile parlare con lei in quanto Lucy è continuamente interrotta da conversazioni telefoniche. La prima telefonata è di Margaret, amica di Lucy, e le due, non sentendosi da diverso tempo, si scambiano notizie su comuni amicizie. La seconda telefonata è di un tizio che ha sbagliato numero. La terza è di George, amico di Lucy, che, adirato con lei per un pettegolezzo che avrebbe messo in giro sul suo onore maschile, la insulta al punto di farla piangere. A questo punto Ben medita di sabotare il telefono, ma, interrotto dall’ennesimo squillo, viene rimproverato da Lucy. Lei a questo punto non può fare a meno di chiamare la sua amica Pamela per raccontarle la lite avuta con George. Ben si arrende e decide di andar via per non perdere il treno. L’unico modo possibile per parlare con Lucy è con il telefono. La chiama dalla prima cabina telefonica e finalmente, dichiarandole il suo amore, ottiene la risposta affermativa di Lucy alla sua richiesta di nozze. Nel lasciarsi telefonicamente Lucy esorta Ben a non dimenticare mai, non i suoi occhi o le mani o le labbra, ma il suo numero di telefono: 2334499. The Telephone or l’amour à trois è stata rappresentata per la prima volta a New York, Heckscher Theatre il 18 febbraio 1947.

TOP